Studio Legale   SanTaLex

Studio Legale Sandri & Taraldsen

INTERVENTO CONTRO I MEDICI DI BASE CHE SI RIFIUTANO DI CERTIFICARE

 

Il nostro intervento è incentrato su tre punti focali:

1.     Il D.L. 176/2021 delega ai medici di base il compito di determinare l’opportunità di differimento dei sanitari, ed ai medici di base vaccinatori il compito di determinare la opportunità di differimento delle altre categorie di lavoratori. I MMG sono tenuti a tener conto delle circolari del Ministero della Sanità. Assume in questo contesto particolare rilievo la circolare del 4 agosto 2021, che presenta una ristretta lista di patologie in relazione alle quali la vaccinazione anti-sars-cov2 è riconosciuta come controindicata. Nelle note, tuttavia, si precisa che il MMG è tenuto a valutare, caso per caso, il rischio-beneficio dell’inoculazione della vaccinazione. La portata di questa nota è rilevantissima, in quanto da essa emerge chiaramente la responsabilità unicamente in capo al MMG nella definizione, caso per caso, della opportunità che un soggetto venga inoculato con il cd vaccino anti sars-cov-2.

2.     Nei foglietti illustrativi dei diversi vaccini è chiaramente esposto quali sono le patologie, o i contesti esistenziali, in relazione alle quali ha avuto luogo una sperimentazione.

3.     Ulteriore elemento è rappresentato dal fatto che, comunque, si è trattato di una sperimentazione estremamente breve, in relazione alla quale, per motivi di tempo, possono essere emersi soltanto gli effetti collaterali a breve tempo.

4.     Nessun effetto collaterale a medio e lungo termine è, quindi, stato oggetto di sperimentazione.

5.     Le macrocategorie in relazione alle quali le case farmaceutiche dichiarano di NON aver effettuato alcuna sperimentazione sono le seguenti:

-       i bambini e ragazzi fino ai 16-18 anni;

-       le donne in stato di gravidanza, desiderose di gravidanza, in stato di allattamento;

-       i malati oncologici;

-       i soggetti affetti da malattie autoimmuni;

-       i soggetti guariti da Covid;

-       in generale, l’interazione con altri farmaci e/o altri vaccini

-       in generale, non sono stati condotti studi di genotossicità o sul potenziale cancerogeno

6.     È, invece, riconosciuta la criticità della somministrazione dei vaccini in caso di:

-       trombocitopenia e disturbi della coagulazione e familiarità per tali patologie;

-       malattie o familiarità per malattie cardiologiche

-       soggetti immunocompromessi o in terapia immunosoppressiva

-       soggetti allergici.

7.     Sebbene la sperimentazione dei vaccini sia stata ridottissima, è oramai trascorso un anno, nel corso del quale ha avuto luogo una grande sperimentazione di massa, i cui risultati sono in parte accessibili. Nonostante si sia scelto di effettuare soltanto una sorveglianza passiva, con la nota conseguenza di un accertamento molto parziale del fenomeno degli effetti collaterali, al giorno d’oggi si dispone di una conoscenza molto più articolata dei possibili effetti avversi, rispetto al primo periodo della somministrazione, derivante in gran parte da dati provenienti da paesi stranieri (USA, Gran Bretagna, Israele).

***

I MMG sono tenuti a valutare il rapporto rischio-beneficio caso per caso, valutando attentamente lo stato di salute del soggetto, in relazione al concreto rischio rappresentato dall’eventuale contagio con la malattia anti-sars-cov2, a confronto con il concreto rischio rappresentato dalla vaccinazione. I MMG sono tenuti a conoscere gli effetti collaterali emersi nel corso dell’ultimo anno e, nel caso della manifestazione di effetti avversi, sono responsabili dell’eventuale mancata corretta considerazione del rapporto rischio-benefici.

Se i MMG vengono meno al loro compito di effettuare una anamnesi esaustiva e se omettono una comparazione con i dati della sperimentazione, attuano un comportamento lesivo del diritto alla salute suscettibile di determinare l’accertamento della necessità dell’esenzione e una conseguente richiesta di risarcimento danni.

 

Il nostro intervento è articolato in due fasi:
-       Una istanza di autotutela, redatta dallo studio legale, ed inviata via email / PEC / raccomandata al MMG, per sollecitarlo bonariamente a provvedere alla propria situazione sanitaria ed agire in modo deontologicamente corretto;
-       Se l’istanza non ha esito positivo, un ricorso giudiziale contro il MMG.

 

Il costo dell’istanza di autotutela è pari a ella causa e pari a € 500 + oneri fiscali, totale: 634,40 euro.

Il costo del ricorso ammonta a 1.700 euro + oneri fiscali, totale: 2.156,96, inclusivi di accessori.

A tale somma dovrà essere aggiunto il contributo unificato per le spese di giustizia, dovuto allo Stato. Per le cause di valore da € 5.200,00 e fino a € 26.000,00, esso è pari a € 237,00. 

 

Dati per il pagamento:
Bonifico

Conto corrente intestato a: Mauro Sandri
IBAN: IT31P0200834830000102038717
Nome banca: Unicredit
Causale: "NOME E COGNOME – assistenza individuale MMG"


Per richiedere l'assistenza è necessario compilare il seguente 

DOCUMENTI DA ALLEGARE AL MODULO:
1.      carta di identità;*
2.    procura, scarica qui      ;*
3.    informativa privacy, scarica qui     ;*
4.    contabile bonifico;*
5.    documentazione relativa al proprio stato di salute
6.    documentazione relativa al diniego al rilascio di differimento od esenzione

7.    documentazione relativa all’eventuale obbligo vaccinale richiesto al ricorrente dal datore di lavoro/dalle istituzioni;

8.    eventuale invito formale alla vaccinazione;
9.    eventuale atto di accertamento dell’inosservanza dell’obbligo vaccinale;
10.    eventuale certificato medico di differimento o di esenzione in possesso del lavoratore;
11.    dichiarazione dei redditi/stato di famiglia e ISEE (ci serve per provare l’urgenza della tutela richiesta);
12.    indicazione di mutuo, tasse scolastiche (es. universitarie), altre spese non procrastinabili (ci serve per provare l’urgenza della tutela richiesta);
13.    autodichiarazione sulla situazione reddituale (scarica qui     ).

*DOCUMENTI INDISPENSABILI

 

E’ possibile prendere contatto via email alla casella seguente:

medicidibase@santalex.eu​​

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder